A meno che voi non facciate parte di quel ristretto gruppo di veri appassionati, avrete sicuramente del gran caos in testa per quanto riguarda le varie differenze tra i whisky esistenti. Spesso e volentieri, infatti, c’è confusione: un Bourbon americano è una cosa, che si differenzia dal cugino Rye canadese e il Whiskey (rigorosamente con la “e”) irlandese. La base è la medesima: distillato di cereali, che possono variare tra mais, orzo, segale e grano, ma guai a chiamarlo whisky in Scozia! Loro vantano lo Scotch, e che scotch ragazzi!

Si tratta di un prodotto ricco di elementi storici, culturali, tradizionali, politici e alchemici, intorno al quale ha girato, e tutt’ora gira, davvero il mondo. Il Whisky ha passato mille e una avventure in tutto il mondo, a partire dall’antichissima ricetta degli alchimisti per la quinta essenza, alla scoperta dell’acqua infuocata, la guerra infinita per il nome tra Scozia e Irlanda, passando anche per il periodo storico del Proibizionismo americano.

È un distillato a base di pochi ingredienti ma che con la giusta maturazione, tipologia di distillazione e grano scelti, offre una vasta gamma di sfumature, varietà, sentori, qualità e note tipiche. Una storia decisamente affascinante, che nel corso del tempo ha affascinato molti poeti, cantanti e scrittori.

Il primo cocktail della storia: Caro Vecchio Fescioned aka Old Fashioned

Se siete appassionati di Whisky questo cocktail fa proprio per voi. È di una semplicità imbarazzante, così come è facile che scivolino giù i sorsi, sto parlando del Caro Vecchio Fescioned (Old Fashioned rivisitato). L’originale pare che sia nato nella seconda metà dell’Ottocento al Pendennis Club di Louisville, in Kentucky, per stemperare il sapore intenso del Whisky. Divenne estremamente famoso e fu la prima bevanda ad essere definita cocktail, la cui prima definizione infatti è: “miscuglio di superalcolici, zucchero, acqua e bitter”. Vediamo insieme la mia versione!

Ingredienti e dosi

  • 4,5 cl di bourbon o rye whiskey
  • 2 gocce di angostura bitter
  • 2 gocce di bitter al cioccolato
  • 2 cl di sciroppo d’acero
  • Una spruzzata di soda
  • Ghiaccio
  • Fetta d’arancia e una ciliegina
Il cocktail del venerdì: Caro Vecchio Fescioned

Procediamo

Prima di tutto raffreddate il vostro bicchiere in freezer. Passiamo ora a preparare il nostro drink in un mixing glass: versate un cucchiaino abbondante di sciroppo d’acero, centellinate due gocce di angostura bitter e due di bitter al cioccolato, infine una spruzzata di soda e mescolate bene.

Aggiungete abbondante ghiaccio e solo a questo punto il vostro whisky preferito, io consiglio un bourbon deciso che si accompagna perfettamente con lo sciroppo d’acero. Mescolate per bene tutti gli ingredienti, prendete il vostro bicchiere ghiacciato aggiungete un bel cubotto di ghiaccio e filtrate il vostro drink con l’aiuto di uno stirrer o in alternativa un colino da cucina.

Per concludere con il solito tocco instagrammabile tagliate uno zest di arancia (perché fa più cool di scorza) e adagiatelo sopra il ghiaccio, se volete un elemento in più per richiamare la ricetta classica aggiungete sopra anche una ciliegina al Maraschino! Buon aperitivo e buon weekend!